Cronoscalate 43ª Pieve Santo Stefano – Passo dello Spino  

Magliona da record è padrone dello Spino

Nel nono round del CIVM il campione italiano prototipi CN domina la categoria settando in gara-1 il nuovo limite del tracciato toscano sull'Osella-Honda nei colori CST Sport: “Weekend perfetto, siamo davvero felici ma è ancora lunga: ci aspetta il rush finale con tre super finali dove sarà battaglia”
L’Ufficio Stampa 26 Luglio 2015

Pieve Santo Stefano (AR) ––Sette vittorie su sette in CIVM per Omar Magliona, che anche alla 43^ Cronoscalata dello Spino , nona del Tricolore Montagna a Pieve Santo Stefano, non si smentisce in gruppo CN conquistando entrambe le salite di gara sui 6000 metri del tracciato toscano. In una domenica perfetta per il campione italiano in carica e per l’ Osella PA21 Evo Honda curata dal team Faggioli e gommata Pirelli, il forte pilota della scuderia siciliana CST Sport ha concluso la prima parte della stagione tricolore settando anche il nuovo record del percorso dello Spino, la “ciliegina” che rende ancora più dolce il weekend che ufficializza il punteggio pieno raggiunto in classifica alla vigilia delle tre finali di Gubbio, Reventino e Pedavena, attesissime a partire da subito dopo Ferragosto.
Il crono totale che domenica 26 luglio ha consentito a Magliona di imporsi davanti a tutti i diretti avversari nella cronoscalata toscana, valida anche per il TIVM Nord e la serie europea FIA International Hill Climb Cup è stato di 5’31”55 (gara-1: 2’44”88, nuovo record del tracciato; gara-2: 2’46”67). L’exploit gli vale pure un notevole sesto posto assoluto precedendo diverse vetture formula e prototipo due e tre litri delle categorie di libera preparazione provenienti anche da fuori Italia.
Magliona ha commentato raggiante nel dopo-gara: “Missione compiuta, un weekend perfetto e siamo davvero felici perché abbiamo sfruttato il potenziale a disposizione. Era una tappa cruciale e difficile, non solo per gli attesi attacchi dei rivali e per il caldo, ma anche perché abbiamo dovuto prendere bene le misure a un fondo stradale che ci ha impegnato molto. I tempi sono arrivati, battendo anche il nostro stesso record 2014, ciò significa che il lavoro di messa a punto ha dato i frutti sperati. Ancora il campionato è lungo, però, e dopo Ferragosto inizia un rush finale dove mi aspetto grandi battaglie”.