Scuderie

Luci ed ombre nel weekend della Catania Corse

Luci ed ombre nel weekend della Catania Corse, che festeggia i titoli italiani conquistati da Alessia Sinatra nel CIVM E2B 1.0 e da Pierluigi Bono, campione italiano slalom del Gruppo Bicilindriche.
Max Lo Verde 8 Settembre 2015

La festa è stata però rovinata dagli incresciosi fatti registrati allo slalom dell’Agro ericino, valido per il campionato italiano slalom, dove però l’ambiente era però più simile ad una corsa clandestina di cavalli, dato che Domenico Polizzi è stato vigliaccamente aggredito fisicamente dall’entourage di un pilota locale. Al momento sono al vaglio diverse iniziative in relazione ai gravissimi fatti accaduti. La Catania Corse comunque ringrazia in special modo la famiglia Gulotta e la Scuderia Jonia Corse per aver preso le difese della vittima dell’aggressione, ed Il Campione Siciliano Alberto Santoro che ha telefonato per manifestare il proprio rammarico e per dissociarsi dalla vile aggressione, molto lontana dall’idea di sportività che i veri appassionati condividono.
Tornando al lato sportivo del weekend, nella prova del CIVM di Lamezia Terme, Alessia Sinatra ha vinto la sua classe, bissando meritatamente il titolo di campionessa italiana; Samuele Cassibba ha concluso una prova brillante al secondo posto della E2M 2.0 e settimo assoluto, mentre Franco Corallo, sempre più a suo agio al volante dell’Alfa Gtam, è arrivato secondo nel 3° raggruppamento.

samuele cassibba
Alla Slalom dell’Agro Ericino la scuderia ha conquistato la sua 10ª vittoria consecutiva nel campionato siciliano confermando la propria imbattibilità. Ignazio Bonavires si è piazzato al secondo posto di Gruppo N, incamerando punti preziosi, secondo posto di Gruppo (Prototipi) anche per Girolamo Ingardia. Vittorie di classe per Modesto Sollima (S5), Giuseppe Faro (A1), e Pieuigi Bono che con la vittoria di domenica nel gruppo bicilindriche ha conquistato il titolo di campione italiano. Seconda posizione per Sebastiano Cusmano e piazzamenti per Michele Russo (terzo), Antonino Bongiovì (sesto) e Dalli Cardillo (ottavo); ritirato Andrea Patanè. Poco rilevante dal punto di vista sportivo la prestazione di Domenico Polizzi, che ha comunque vinto la sua classe piazzandosi sesto assoluto; eccellente anche la prova di Nicola Incammisa che si è piazzato a ridosso della top ten.

17ª Cronoscalata del Reventino