Il 4° Master Drivers è anteprima-show delle salite 2016

L'evento motoristico del Team Racing Gubbio è andato in scena in Umbria con l'esordio di Faggioli sulla nuova Norma-Zytek e numerosi protagonisti nazionali in una domenica che ha aperto al meglio la stagione 2016 in vista dello start del Campionato Italiano Velocità Montagna e dell'Europeo
L'UFFICIO STAMPA 3 Aprile 2016

Gubbio (PG) – Numerosi protagonisti delle cronoscalate nazionali e internazionali con tanto di esordio del campione italiano ed europeo Simone Faggioli sulla nuova Norma M20 Fc Zytek appena uscita dalla factory francese. Il 4° Master Drivers, sulla scia delle precedenti edizioni, si conferma l’anteprima spettacolare della stagione delle salite. “La Domenica del Pilota”, evento motoristico non agonistico gestito al meglio dal Team Racing Gubbio, è andato in scena il 3 aprile in Umbria in una giornata caratterizzata dalla sana passione per sport e motori, dalla voglia dei driver di provare le rispettive auto senza pressioni legate al cronometro dopo la lunga pausa invernale e da un pubblico sempre composto. Il Master Drivers ha ospitato tanti personaggi e numerose persone arrivate da tutta Italia per seguire l’esordio stagionale del circus delle salite in vista dello start del Campionato Italiano Velocità Montagna e dell’Europeo e le tante novità tecniche portate dai team presenti e anche direttamente dalla Pirelli, presente con il manager Terenzio Testoni e con la struttura di supporto logistico della Greco Gomme.

magliona_su_norma_masterdrivers_2016_foto_io_scatto

Vetture prototipo, monoposto, GT e Turismo si sono susseguite nelle salite (9 passaggi svolti in tutto) lungo la ss3 Flaminia, nel territorio del comune di Scheggia. Tecnicamente, è stato impegnativo per molti il lavoro sulla propria auto. Come accennato, Simone Faggioli ha potuto portare al debutto su strada la sua nuova Norma-Zytek sulla quale ha patito problemi di gioventù proprio nel finale di giornata. Restando al team del pluricampione toscano, si segnalano diverse soluzioni di assetto per il sardo campione italiano CN Omar Magliona, che ha provato la Norma-Zytek ex Faggioli in vista del Tricolore, e sulle Osella di Paride Macario, Andrea Bormolini e Marco Capucci, tris di piloti ora pronto per l’esordio nell’Europeo il 17 aprile in Francia. Presente anche l’eugubino Mauro Rampini sulla versione PA27. Lo spettacolo non è mancato inoltre grazie all’agile monoposto Gloria C8F del veronese Federico Liber, che ha provato le ultime novità su auto e gomme Pirelli, e alla presenza della Ferrari 458 della scuderia veneta Superchallenge sulla quale il padovano campione italiano GT Roberto Ragazzi ha potuto riprendere confidenza con la guida su strada, rimanendo soddisfatto del lavoro svolto.

ragazzi_su_ferrari_masterdrivers_2016_foto_io_scatto

Diversi i protagonisti nelle varie categorie Turismo, dove tra gli altri erano presenti altri due campioni italiani. Il pugliese Ivan Pezzolla, Tricolore Racing Start Turbo, giudicandola “davvero divertente da guidare”, si è alternato con Francesco Savoia al volante della Kia Venga preparata dalla Brc e alimentata a gas che sarà protagonista del monomarca gestito dalla Driving Experience valido per il Campionato Italiano Energie Alternative. Invece il reatino Antonio Scappa, tricolore Racing Start, provando pneumatici Avon ha ritrovato la fida Renault New Clio, con la quale riproverà l’assalto al titolo. Prove di pneumatici anche per il marchigiano Ferdinando Cimarelli sull’Alfa Romeo 156 e per l’aquilano Serafino Ghizzoni, al debutto sulla Renault New Clio di gruppo Racing Start Plus per il CIVM. Meno fortunati l’esordio sulla Honda Civic del ligure Roberto Malvasio (toccata sull’anteriore destro) e la partecipazione su Ligier-Honda del campano Cosimo Rea (fermo nella prima salita per problemi al motore). Protagonisti del Master Drivers 2016 anche Andrea Guidi (Renault 5), Mattia Chioccia (Citroen Saxo), Michele Mocetti (Peugeot 106), Andrea Bonifazi (Peugeot 205), Manuel Simoncelli (Fiat 500 Sport) e tra le auto storiche Mario Viggiani e Lanfranco Pastorelli su Fiat 500 e Marco Frenguellotti su Fiat 850.