43ª Cronoscalata della Castellana

Domani parola ai motori alla 43ª Cronoscalata della Castellana

A Orvieto venerdì dedicato alle verifiche tecniche e sportive per la prova umbra del TIVM, che scatta sabato 9 maggio alle 11 con le due salite di prove ufficiali in vista della gara di domenica con protagonisti, tra gli altri, Merli, Bonucci, Di Fulvio e i locali Fattorini, Pelorosso e Laschino. Grande novità è l'esordio assoluto del nuovo prototipo CMS 03 Honda il cui sviluppo è affidato al pilota eugubino Andrea Picchi
ErregìMedia 8 Maggio 2015

Orvieto (TR) – Sole e sereno accompagnano piloti e rispettivi bolidi da corsa alle verifiche sportive e tecniche che venerdì 8 maggio hanno dato il là a Orvieto all’atteso weekend motoristico della 43^ Cronoscalata della Castellana. L’evento organizzato dall’asd La Castellana è prova del Trofeo Italiano Velocità Montagna e anche quest’anno porta in Umbria grandi protagonisti e ultime novità del circus delle salite, provenienti dalla regione e da tutta Italia. Le verifiche sono tuttora in corso all’esterno dello stadio Muzi e per alcuni iscritti si concluderanno sabato mattina, quando la parola passerà definitivamente ai motori. Sabato 9 maggio, infatti, a partire dalle ore 11 il direttore di gara Roberto Bufalino darà il via alle due manche di prove ufficiali sullo spettacolare tracciato di 6190 metri che dalle porte di Orvieto sale a Colonnetta di Prodo. Le due ricognizioni saranno fondamentali per testare auto e percorso, che, immerso nel verde, per il pubblico rappresenta anche l’occasione di trascorrere una bella due-giorni tra sport, motori e natura. Il clou della gara prenderà il via domenica 10 maggio alle ore 10, sempre in due manche (gara-1 e gara-2) con somma dei tempi per decretare il vincitore assoluto della Castellana 2015.

Moratelli Merli e Marchesani alle verifiche sportive
Moratelli Merli e Marchesani alle verifiche sportive

E la classica cronoscalata umbra già annuncia una sfida tutta nuova tra il trentino Christian Merli e il locale Michele Fattorini. Il primo, vicecampione italiano al debutto alla Castellana, sfrutterà Orvieto come gara-test in ottica Tricolore per affinare lo sviluppo della nuova Osella FA30 Evo RPE, che a Orvieto “toglie i veli” alla livrea 2015: “Migliorare e verificare alcune regolazioni è l’obiettivo principale qui – ha detto in verifica – e anche io devo ancora riabituarmi al meglio a un’auto 3000; devo dire che, dopo averlo visto, il tracciato di Orvieto è bellissimo, molto da guidare”. Fattorini, invece, affronta la gara di casa, sempre sfuggitagli negli ultimi anni, per la prima volta al volante dell’Osella PA2000 Honda sulla quale è alla stagione d’esordio: “Stiamo prendendo le giuste misure – ha detto l’orvietano -, mi trovo a mio agio su questo modello e qui si può fare bene”. Tra le vetture formula e sport prototipo, però, saranno in diversi a poter giocare il ruolo di outsider o a dare battaglia nelle rispettive classi. Tra questi l’esperto pistoiese Franco Cinelli (già vincitore a Orvieto) sulla Lola-Judd di F3000 preparata dalla CMS Racing Cars. A conferma di quanto il tecnico tracciato di 6190 metri della Castellana sia considerato anche in ottica test, il team toscano porterà al debutto assoluto la sua ultima nata, la CMS 03 Honda, prototipo CN sulla quale si accomoderà il driver eugubino Andrea Picchi. Altro pilota di Gubbio che non mancherà l’appuntamento è Mauro Rampini con l’Osella PA27, iscritta nel gruppo delle monoposto come la FA30 Zytek del trentino e campione italiano E2/M Adolfo Bottura. Tornando agli esordi, un altro trentino, Matteo Moratelli, è atteso sulla versione PA2000 Honda, mentre l’abruzzese Stefano Di Fulvio scende dall’abituale Osella storica per debuttare in stagione sulla versione PA20/S Bmw.

Team CMS al lavoro sulla Lola Judd di Cinelli
Team CMS al lavoro sulla Lola Judd di Cinelli

Tanti motivi di interesse solcano anche il gruppo GT, dove sono attese Ferrari, Porsche e Lotus. Tra le auto delle categorie E1 ed E2S si rilanciano due giovani orvietani: Daniele Pelorosso con l’aggressiva Renault Clio Proto e Francesco Laschino sulla magnifica Alfa Romeo 155 ex DTM. Da ammirare pure la Lancia Beta Montecarlo del laziale Renato Capotosto, mentre nelle categorie Turismo e rally in tanti, tra i quali numerosi piloti tra umbri e protagonisti nazionali di CIVM e TIVM, si giocheranno il successo dei gruppi A, N e Racing Start (tra gli iscritti il pugliese e campione italiano Antonio Scappa). Per la supremazia nelle auto storiche spiccano ben quattro protagonisti del Tricolore: Uberto Bonucci, Piero Lottini e Giuliano e Stefano Peroni. Iscritte sono poi tre donne, a iniziare dalla viterbese Anna Brenciaglia, su una storica Austin Mini Cooper S, per arrivare a due umbre spesso protagoniste in CIVM: Paola Pascucci con la Mini Cooper S turbo e la detentrice della Coppa Dame Deborah Broccolini con la Citroen C1, figlia di quell’Attilio Broccolini al quale è dedicato il Memorial che sarà assegnato al vincitore della classe N-1600.

La SS79, nel tratto del tracciato della corsa e del parco chiuso, sarà chiusa sabato a partire dalle 9.30 e domenica a partire dalle 9 fino al termine di prove ufficiali e gare.