Cronoscalate 29ª Camucia Cortona  

Effettuta le prove della Camucia Cortona. Oggi la gara

I 159 concorrenti la prima gara del CIV Salita Auto Storiche, hanno svolto le prove del tracciato della gara aretina. Domani, dalle ore 10, in programma le due manches del primo round Tricolore 2015.
Enzo Branda 19 Aprile 2015

Cortona (AR) – Un anno dopo la fortunata ventottesima edizione, è tornato a riecheggiare il rombo dei motori da competizione sulla salita che da Camucia conduce a Cortona, riproponendo un’altra esilarante manifestazione della passione per le gare automobilistiche per vetture che hanno fatto la storia delle gare di velocità. Sono 159 i concorrenti che si sono schierati sulla linea di partenza delle Prove Ufficiali della gara aretina, organizzata da Circolo Paolo Piantini, scuotendo la quiete del centro turistico toscano.

I piloti sono stati i protagonisti delle attenzioni del già numeroso pubblico sistemato lungo i 3,8 chilometri del percorso di gara. Scongiurato il rischio di pioggia, caduta solo in mattinata senza lasciar alcuna traccia di umido, nel pomeriggio i piloti hanno affrontato le prove ufficiali della gara, prendendo visione del tracciato e memorizzando i passaggi più significativi.

Il percorso della Camucia  Cortona è un’alternanza di tratti veloci ad altri decisamente lenti, dal fondo alle volte irregolare comunque intervallando porzioni di asfalto levigato ad altri più “datati” che impone un’attenzione particolare alle relative variazione d’aderenza. Particolarità che hanno messo in difficoltà anche i piloti più esperti: il partenopeo Michele Liguori che s’è fermato nell’ultimo tornante in prossimità del traguardo con la Lola 294 Hart del 1974, ma anche altri sono stati stoppati da rotture o toccate.

Chi meglio di altri ha percorso i quasi otto chilometri totali delle salite è, sicuramente, stato l’esperto campione senese Uberto Bonucci, fermatosi nella seconda salita ma che nella prima, con la Osella PA 9/1990 BMW, ha dato vita all’anteprima della sfida che domani, in gara, lo opporrà al ventiquatreene abruzzese Simone Di Fulvio. Il più giovane pilota della famiglia da corsa dei Di Fulvio, il fratello Stefano lo scorso anno vinse la classica aretina al volante della stessa biposto sport torinese, non ha evidenziato particolari problematiche ma ha “studiato” al meglio il tracciato. In grande evidenza nell’assoluta e nel 4. Raggruppamento, è il fiorentino Stefano Peroni con la Osella PA 8 del 1985, ma anche il pisano Piero Lottini con la Osella PA 9 del 1983 ed il ligure Franco Cremonesi anch’egli sulla biposto torinese.

Se per la gara di domani è immaginabile che la lotta possa essere tra questa rosa di piloti, è altrettanto verosimile che piloti come Giuliano Peroni sappia inserirsi nella sfida assoluta, oltre a puntare alla leadership del 2. Raggruppamento con la più datata ma sempre efficientissima Osella PA 3 del 1975, oppure il padovano Francesco Turatello che ha regalato grande emozione sportiva al volante della Surtees F2, monoposto del 1974 perfettamente restaurata.

Tra le vetture Turismo, sono il viterbese Massimo Vezzosi su BMW 2002 Schnitzer del 1977 ed il pistoiese Alessio Pacini con la Fiat X 1/9 a segnalarsi tra i più veloci del 3. Raggruppamento, mentre ha trovato giuste indicazioni ed ottime prestazioni il pinerolese Guido Vivalda, tra i migliori del 2. Raggruppamento con la Porsche 911 Carrera Rsr del 1973.

In grande evidenza nel 1. Raggruppamento è l’austriaco Harald Mossler al volante della piccola ma pepatissima Steyer Puch Bergspyder del 1. Raggruppamento, per vetture costruite prima del 1969.

Lo svolgimento della gara, con classifica elaborata dalla somma dei tempi rilevati nel corso delle due manches, da svolgere sul tracciato di gara dallo sviluppo di 3,8 chilometri dalla frazione Camucia alla prima periferia di Cortona. Alle ore 10 è previsto lo start della prima salita.