20ª Luzzi Sambucina

Domenico Scola il più veloce nelle prove della 20ª Luzzi Sambucina

Domani alle 9,30 semaforo verde per le due manche di prova della cronoscalata. Si riparte dal successo di Domenico Scola ottenuto nelle ultime tre stagioni. Numeroso il pubblico che ha assistito alle prove di ricognizione disputate oggi
ErregiMedia 3 Ottobre 2015

LUZZI (CS) – È iniziata ufficialmente, con le due manche di prova, la ventesima edizione della Luzzi-Sambucina. I 127 piloti verificati si sono presentati ai nastri di partenza per effettuare le due salite che hanno consentito di rodare le vetture e prendere confidenza con il tecnico tracciato luzzese.

Domattina, alle 9,30, il direttore di gara Alessandro Battaglia darà il segnale di start alla gara, sul classico tracciato di 6,150 km che collega l’abitato di Luzzi all’abbazia cistercense di località Sambucina. La gara rappresenterà la penultima prova del Trofeo Italiano Velocità Montagna girone Sud, serie cadetta della specialità Aci Sport.

 

Durante le due manche di prova, già ottime indicazioni sono state fornite ai piloti in vista della gara di domani. Per la classifica Assoluta, l’atteso Domenico Scola jr., padrone di casa, ha già ottenuto riscontri cronometrici importanti a bordo della sua Osella. Scola punterà a migliorare il record del tracciato che ha imposto nella scorsa edizione, quando chiuse in 3’10″72. “È sempre una grande emozione gareggiare in casa – ha detto Scola – Questa è una cronoscalata impegnativa e di grande fascino. Credo che possiamo migliorare sempre di più”.

cubeda

Sempre per l’assoluta, molto atteso il catanese Domenico Cubeda, apparso già in ottima forma durante le prove di ricognizione: “è la prima volta che gareggio qui su Osella. Sto cercando di trovare nuovi riferimenti, e le modifiche che abbiamo apportato al set up ci consentiranno di fare meglio, ne sono convinto”. Bene in prova anche il potentino Achille Lombardi su Osella Pa 21 Evo di gruppo CN, così come il siciliano Giuseppe Corona su Osella Pa 21 S, e Luca Ligato su Osella Pa 21 Evoluzione.

Tra i calabresi, buone indicazioni per Leonardo Nicoletti su Radical – che ha peraltro dovuto sostituire una gomma in corsa proprio prima della partenza della prima prova – e Emanuele Greco su Osella Mugen. Attesissimo anche il padrone di casa Rosario Iaquinta su Norma M20 FC, così come il pugliese Francesco Leogrande su Radical Sr4. Il cosentino Mirko Paletta, invece, sta sviluppando la nuova vettura, da 1000 cc., in vista della prossima stagione.

Atteso anche il cosentino Franz Caruso, “felice di ritornare su questo tracciato. Il rientro in auto non è mai semplice, e sto cercando di prendere le misure”. Medesimo discorso fatto da Leogrande: “la prima salita non è stata il massimo, ma non per colpa della vettura. Devo migliorare”.

In gruppo E1 si contenderanno la vittoria piloti del calibro di Luigi Sambuco su New Clio, Salvatore Macrì su Alfa 147 e Antonio Vassallo su Clio Rs. Tra le 1600 attesi Vitantonio Micoli e Angelo Cardone.

In gruppo A sfida tra l’Alfa 147 di Francesco Urti e Ennio Donato, favoriti rispettivamente tra le 2000 e le 3000; mentre tra le 1400 è atteso Stefano Garritano.

Gruppo N con Antonio Fichera su Citroen Saxo e Giuseppe Forte, entrambi a bordo di Citroen Saxo VTS da 1600 cc.

Racing Start con sfida al cardiopalmo tra Andrea Arnone su Opel Corsa Opc e il pugliese Oronzo Montanaro su Mini Cooper.

Gruppo VBC con Domenico Procopio, Angelo Mercuri e Antonio Ferragina tutti al volante di Fiat 500.

L’evento è organizzato dalla scuderia Cosenza Corse guidata dal presidente Sergio Perri, in collaborazione con la Provincia di Cosenza, l’amministrazione comunale di Luzzi, l’Automobile Club Catanzaro e l’associazione Passione in Salita. Domani, alle 9,30, start per le prime due manche della Luzzi-Sambucina.

20151003_131848_(copy)

I tempi potranno essere consultati sul sito www.tempilive.it. Ulteriori informazioni e curiosità sul sito internet www.luzzisambucina.org e sulla pagina Facebook ufficiale della manifestazione.