Scuderie

Man bassa Ac Racing di successi in pista e in salita

di Ufficio Stampa - 22 Luglio 2019
Ennesimo weekend esaltante per la factory bresciana che al Mugello nel MINI Challenge vince di tutto con Tramontozzi, Rogari e Di Fabio, in Vallecamonica Caffi con la Peugeot 308 continua a scrivere la storia, Pedrali con la MINI JCW domina la Racing Start
Man bassa Ac Racing di successi in pista e in salita

AC Racing Tecnology non perde un colpo, anzi sembra che raddoppiare gli sforzi impegnandosi su più fronti dia un ulteriore carica al Team dei fratelli Abate che hanno festeggiato i loro piloti in entrambi le specialità. Dove c’è professionalità e competenza i risultati non possono che essere ottimali e se in alcuni casi l’obiettivo non è immediato e solo questione di tempo. Soddisfazioni quindi sono arrivate tanto dalla 4° prova del MINI challenge quanto dal 49° Trofeo ValleCamonica, gara di casa a cui ovviamente si è particolarmente legati.

Al Mugello le premesse per un risultato importante c’erano tutte grazie anche alla pole che Ivan Tramontozzi ha stampato nella giornata di sabato, ma tutta Ac Racing ha brillato tanto in gara 1, quanto in gara 2. Il pilota di Priverno ha così fatto Tris, vincendo ancora e lasciando immaginare che se avesse preso parte all’intero campionato ne sarebbe stato ancora il leader indiscusso. Bellissimo il podio delle lite in cui Angelo Rogari si è tolto la soddisfazione della prima vittoria stagionale, davanti al “enfant terrible” Diego DI Fabio sempre più in corsa per il titolo grazie al successo ottenuto di forza nella gara 2 che ha fatto segnare anche le ottime perfomance fra le Pro di Roberto Gentili (terzo) ed Eduino Menapace (quinto). Un successo di squadra complessivo per Ac Racing che ovviamente si esalta degli exploit di alcuni ma tiene conto altrettanto dei miglioramenti degli altri assicurando ad entrambi massima competitività e affidabilità.

In Vallecamonica si è brindato all’ennesima impresa del grande ex F.1 Alex Caffi che ha raggiunto l’obbiettivo di completare il poker di vittorie, avendo primeggiato con la Formula, con lo Sport Prototipi, con la GT e adesso con la vettura da Turismo. C’è riuscito da campione con il record al volante della Peugeot 308 Racing Cup di gruppo RS Plus, già ai vertici del CIVM con Ac Racing.

Di notevoli proporzioni il successo di Matteo Pedrali, che con la MINI JCW TB 1.6 nella classifica comprensiva delle due manche ha staccato di quasi 15 secondi il migliore dei suoi avversari al volante di una vettura gemella.

Soddisfacente anche la prova di Rosario Parrino, che ha portato la bellissima Lamborghini Huracan al secondo posto di classe 3 delle GT, dopo una manche magistrale dove era stato davanti a nomi altisonanti e vetture più performanti.

Non ha voluto mancare al trofeo Vallecamonica il mitico “Zio Fester” al volante della sua Honda Civic, lasciando presagire che questa possa essere la sua ultima apparizione, salvo ripensamenti per la 50° edizione.

Cerca un Calendario in Archivio
Ultime Notizie

Tanti riconoscimenti alla Scuderia Speed Motor in occasione del Galà Aci di Perugia

Per Roberto Malvasio un 2019 da incorniciare

Doppio trionfo per Ragazzi e la Ferrari 488 alla prima stagione nelle salite tricolori

Cubeda è d’argento all’Avon Super Master di Sarno su Osella Fa30