Scuderie

La Scuderia Apulia Corse alla Coppa Teodori tra vittorie, podi e “toccate”

di Ufficio Stampa Apulia Corse - 29 Giugno 2017
La Scuderia Apulia Corse rientra dalla trasferta calabra della trasferta sui monti ascolani con un ottimo risultato complessivo.
La Scuderia Apulia Corse alla Coppa Teodori tra vittorie, podi e “toccate”

I quattro alfieri della scuderia di patron Vito Micoli hanno portato in alto i colori sociali con prestazioni di tutto rispetto, facendosi valere nelle rispettive classi di appartenenza.
Ad aggiudicarsi la vittoria di classe RS2.0 e di gruppo, in Racing Start Aspirate, è stato il giovane Francesco Ciccio Perillo. Il pilota della Renault Clio ha dominato l’intero week end di gara, issandosi in prima posizione sin dalla prima salita di prova, continuando ad abbassare i suoi rilevamenti cronometrici, realizzando come miglior crono in gara, il tempo di 3’03”67 fatto registrare in Gara1. Il giovane pilota di Locorotondo ha staccato la concorrenza incrementando il divario anche in classifica di campionato.

Sempre in gruppo RS, ma in classe 1.6, ha effettuato un buonissimo “rodaggio” in vista della gara di casa, il fasanese Alex Arvizzigno, che al volante della Citroen Saxò VTS ha conquistato un incoraggiante terzo gradino del podio in una delle classi più numerose e combattive dell’intera gara.
In E1- Italia, il veloce Vito Rosato, con la sua Peugeot 106 azzurra ha ben figurato in classe 1.4 al debutto sul tecnico tracciato di Ascoli Piceno. Infatti tra gli oltre 10 partecipanti alla classe E1-1.4, Rosato ha ottenuto con caparbietà un grintoso terzo posto, lottando senza timori reverenziali con driver di comprovata esperienza e velocità.

Unica nota sfortunata del week end apulo, sono state le vicissitudini in cui è incappato il presidente Vito Micoli. Dominata nettamente la classe E1- Italia 1.6T nella giornata di prova. Il driver della rossa R5 GT in Gara 1, alla famigerata curva Cenni, sinistrone velocissimo e molto impegnativo, ha “pizzicato” il rail in uscita, danneggiando cerchio e gomma, costringendolo a fermarsi poche decine di metri più in su, ormai in vista del traguardo. In Gara 2, Micoli ha ristabilito le gerarchie di classe, conquistando non senza patemi d’animo (ha dovuto scansare una vettura ferma con annesso commissario, in piena traiettoria nell’ultimo velocissimo curvone che immette sul traguardo) la vittoria di classe e il sesto posto assoluto di gruppo.

I driver della Scuderia Apulia si prendono un week end di pausa scartando la lunga trasferta della Trento Bondone per prepararsi al meglio, tra 15 giorni, alla gara più amata, la gara di casa… la Coppa Selva di Fasano, dove sicuramente i driver risponderanno in massa al richiamo della classicissima pugliese.

Cerca un Calendario in Archivio
Ultime Notizie

Tanti riconoscimenti alla Scuderia Speed Motor in occasione del Galà Aci di Perugia

Per Roberto Malvasio un 2019 da incorniciare

Doppio trionfo per Ragazzi e la Ferrari 488 alla prima stagione nelle salite tricolori

Cubeda è d’argento all’Avon Super Master di Sarno su Osella Fa30