Il sigillo di Stefano Peroni e l’Osella sulla 8ª Cronoscalata Storica dello Spino

di AciSport - 18 Giugno 2017
Il driver e preparatore fiorentino ha vinto il 3° Raggruppamento e realizzato il miglior Tempo in 2’55”03 . Affermazione in 4° Raggruppamento per Lottini su Osella PA 9/90, in 5° Giuliano Peroni ha fatto il vuoto su Martini Mk32, per il 2° acuto di Motti su Porsche e Nocentini torna al successo in 1° su Chevron. Fattorini su Osella FA 30 vince tra le moderne
Il sigillo di Stefano Peroni e l’Osella sulla 8ª Cronoscalata Storica dello Spino

Pieve Santo Stefano (AR) – I 6 Km che da Pieve Santo Stefano portano fino in prossimità del Passo dello Spino sulle pendici del Monte Verna sono stati teatro della sesta sfida dl Campionato Italiano Velocità Salita Autostoriche. La competizione minuziosamente organizzata dalla Pro Spino Team ha visto al via 123 autostoriche e ben 61 vetture moderne che hanno offerto uno spaccato di Tricolore.
Stefano Peroni ha vinto il 3° Raggruppamento e la sua terza gara stagionale realizzando il miglior tempo in 2’55”03 nella prima salita sulla Osella PA 8 BMW che cura insieme al papà Giuliano, il fiorentino del Team Italia si è imposto in entrambe le gare dopo aver trovato un ottima regolazione della vettura già durante le prove. -“Un terzo successo in gara che da molta soddisfazione – ha commentato Peroni – la macchina va molto bene il lavoro svolto sta producendo i risultati sperati, anche perché ottengo dei tempi migliori di vetture più moderne e potenti”-.
Sul podio di raggruppamento sono salite due energiche vetture turismo ed in versione silhouette in particolare la Fiat X1/9 con motore Dallara di Remo Decarli, l’alfiere Destra 4 che ha vinto al classe 1600, seguito dal vincitore della classe 2000 Enrico Vezzosi sulla scattante BMW Schnitzer, rispettivamente ottimi 6° e 8° nell’ipotetica classifica assoluta. Primo posto di 4° Raggruppamento e secondo tempo in assoluto per Piero Lottini sulla Osella PA 9/90 BMW, il pisano della Bologna Squadra Corse, seppur sempre più leader della classifica tricolore, non ha trovato per l’intero week end delle regolazioni pienamente efficaci per il tracciato toscano. Secondo di raggruppamento Walter Marelli, il driver della Scuderia del Portello che ha vinto tra le sport nazionali da 3000 cc con la Lucchini Alfa Romeo, con cui ha ottenuto il 4° tempo in assoluto, seguito sul podio ed in classe da Sandro Zucchi sulla versione SN 85 della Lucchini. Secondo tempo assoluto in gara 1 e migliore di Raggruppamento per il pilota di casa Ennio Bragagni Capaccini sulla RE.BO, poi il portacolori della Chimera Classic Motor ed esponente del maggior partner della competizione, ha dovuto arrendersi per il cedimento del cambio. Nuovo affondo in 5° Raggruppamento con il terzo tempo assoluto per Giuliano Peroni, il papà di Stefano, che ha centrato un nuovo successo al volante della sempre più performante Martini Mk32, monoposto nata nel 1981 per l’Europeo salita e che il driver e preparatore ha reso nuovamente auto di vertice. Nella stessa categoria duello per il secondo posto tra Emanuele Aralla, in piena rimonta in gara 2, sulla Dallara F390 e Antonio Lavieri molto incisivo sulla Formula Renault Europa, che hanno chiuso nell’ordine dopo un 1 a 1 nelle due salite e rispettivamente con il 5° e 7° tempo in ordine generale. E’ tornato al successo in 1° Raggruppamento Tiberio Nocentini sulla Chevron, il fiorentino ha ritrovato la prontezza del motore Cosworth 1.6 ed ha finalmente risolto i problemi elettrici che in un paio di gare lo hanno fermato ed ora ha nuovamente la leadership nel mirino, Nocentini ha anche realizzato il 9° tempo assoluto in gara. Seconda piazza per il laziale Angelo De Angelis che ha guadagnato ulteriori punti tricolori sulla Nerus Silhouette di classe BC 1600, mentre sul podio di categoria è salito anche il sempre tenace Antonio Di Fazio con la NSU Brixner. Tra le auto coperte mentre Alessandro Rinolfi ha di nuovo dominato in classe T1300 con l’agile Austin Mini Cooper S, nonostante un motore non al top, mentre Claudio Conti si è imposto in classe GTP oltre 2000 con la TVR Griffith, la bella super car inglese, malgrado una noia alla frizione. Il 2° Raggruppamento ha visto la supremazia di Idelbrando Motti sulla Porsche Carrera RS, il modenese portacolori della Bologna Squadra Corse che ha completato la top ten generale e con decisione ha preceduto in entrambe le gare Vincenzo Rossi su vettura gemella, mentre dopo le due super car di classe GTS sul podio è salito l’incisivo bolognese Fosco Zambelli perfettamente coadiuvato dall’Alfa Romeo 1750 GTam, che ha realizzato il 2° tempo nella seconda salita.
Spaccato di CIVM tra le auto moderne, dove hanno gareggiato diversi protagonisti della massima serie ACI. Vittoria del giovane Umbro della Speed Motor Michele Fattorini che finalmente ha testato gli sviluppi della Osella FA 30, con cui ha realizzato il miglior tempo in 2’44”25 in gara 1, nonostante la persistenza di alcuni problemi elettrici. Secondo il trentino Diego Degasperi per l’occasione sulla Osella FA 30 Zytek, il portacolori Vimotorsport ha tagliato il traguardo con un gap totale di 1”15 dal vincitore, sul podio anche il ravennate Franco Manzoni sulla Osella PA 21 EVO, per questa volta in versione E2SC.

Lo hanno detto i protagonisti

Stefano Peroni – “Una grande gioia e soddisfazione avere vinto la terza gara della stagione. Il feeling con l’Osella PA 8 è pieno ed emerge sempre più. Naturalmente è una vettura che conosco bene e dalla quale posso trarre il massimo potenziale. Avere dei riferimenti aiuta senz’altro, soprattutto contro avversari temibili e con vetture spesso più moderne e potenti”.
Piero Lottini – “I punti tricolori son preziosi ed importanti, anche se non è stato un week end esaltante, perchè pensavo di poter fare di più”
Giuliano Peroni – “La Martini è una monoposto nata per l’Europeo salita del 1980, quindi un’auto già sviluppata per le salite. L’esperienza maturata nelle corse sin dal 1983 certamente aiuta nella messa a punto della macchina, che dal canto suo si adegia bene ad ogni tracciato, per cui i tempi finora sono arrivati”
Ennio Bragagni Capaccini – “Ho ottenuto buoni tempi in prova e poi anche in gara 1 dove ho vinto il 4° Raggruppamento. Poi purtroppo il cedimento di un semiasse mi ha costretto alla resa. Le corse sono così, peccato perchè tengo molto a questa gara di cui condivido appieno ogni aspetto”
Tiberio Nocentini – “Finalmente abbiamo risolto i problemi lettrici che ci hanno afflitto nelle ultime gare. Abbiamo lavorato tutta la notte e ringrazio il mio preparatore che mi ha permesso di gareggiare nuovamente con la Chevron al top. Spero di recuperare in fretta il terreno perduto in campionato”
Alessandro Rinolfi – “Ottima gara oggi, peccato nella seconda salita ho un pò peggiorato, forse un mio errore nel secondo settore, Purtroppo da un paio di gare la mia Austin Mini Cooper ha il motore non al massimo della forma, per cui entrerò oggi stesso in officina per prepararci al prossimo appuntamento”
Claudio Conti – “La TVR Griffith è una vettura rara, in Italia ce ne son due esemplari. Ha un potenziale alto ed il motore da 4.7 cc è generoso di cavalli, ho perso un pò in gara 2 per una noia alla frizione”
Idelbrando Motti – “Un traccaito bello e divertente anche se nasconde alcune insidie. La mia Porsche Carrera si è espressa al massimo ed ho potuto correre due salite in serenità pensando alla prestazione ed a respingere gli attacchi della concorrenza sempre in agguato”

Classifica Raggruppamenti Cronoscalata dello Spino:
1° Raggruppamento: 1 Nocentini (Chevron B19) in 6’54”40; 2 De Angelis (Nerus Silhouette) a 15”53; 3 Di Fazio (NSU Brixner) a 17”77.
2° Raggruppamento: 1 Motti (Porsche Carrera RS) in 6’58”72; 2 Rossi (Porsche Carrera RS) a 11”74; 3 Zambelli (Alfa Romeo 1750 GTam) a 13”37.
3° Raggruppamento: 1 Peroni S. (Osella PA 8 BMW) in 5’51”52; 2 Decarli (Fiat X1/9 Dallara) a 57”39; 3 Vezzosi (BMW Schnitezer) a 58”90.
4° Raggruppamento: 1 Lottini (Osella PA 9/90 BMW) in 6’12”01; 2 Marelli (Lucchini SN 88) a 28”35; 3 Zucchi (Lucchini SN 85) a 58”11.
5° Raggruppamento: 1 Peroni G. (Martini Mk32) in 6’15”26; 2 Aralla (Dallara F390) a 25”92; 3 Lavieri (Formula Renault Europa) a 34”59.

Auto Moderne: 1 Fattorini (Osella FA 30 Zytek) in 5’29”40; 2 Degasperi (Osella FA 30 Zytek) a 1”15; 3 Manzoni (Osella PA 21 EVO) a 21”09.

Calendario del Campionato Italiano Velocità Salita Autostoriche: 7-9 aprile Lago Montefiascone (VT); 22–23 aprile Camucia – Cortona (AR); 6-7 maggio Scarperia – Giogo (FI); 20/21 maggio Trofeo Scarfiotti (MC); 3-4 giugno Cronoscalata del Santuario (PA); 17-18 giugno Cronoscalata Storica dello Spino (AR); 23–25 giugno Coppa della Consuma (FI); 7-9 luglio Cesana – Sestriere (TO); 1-3 settembre Limabetone Storica (PT); 22-24 settembre Chianti Classico (SI).

Le gare del Weekend

Prossime gare in Calendario

Ultime Gare Effettuate

Gare non effettuate

Rinviata dal 28 Luglio 2019
Rinviata dal 14 Luglio 2019

Cerca un Calendario in Archivio

Seguici su

Altre Notizie

Ultime Notizie