Piloti

Stefano Crespi al cospetto di sua maestà, la 70ª Trento-Bondone

Stefano Crespi 1 Luglio 2021

Il grande momento è arrivato. Stefano Crespi tornerà nell’abitacolo della Wolf GB08 Thunder il prossimo weekend per quella che potrebbe definirsi senza dubbio la cronoscalata italiana di maggiore prestigio: la 70^ Trento-Bondone.

Valida per il Campionato Italiano Velocità Montagna, per il Fia European Hill Climb Cup e per il TIVM Nord, la cronoscalata al Monte Bondone prepara una grande sfida alla quale il pilota milanese non può di certo mancare, alla luce delle tante partecipazioni ad una manifestazione che considera a pieno titolo come la sua gara di casa. Dopo un inizio di stagione un po’ più difficile rispetto alle aspettative, Crespi punta ad essere protagonista sulle rampe del Bondone, sia per una grande conoscenza del percorso sia per concretizzare una prestazione che sia al Trofeo Scarfiotti che alla Verzegnis c’è stata ma non si è trasformata in un risultato importante.

L’occasione saranno quindi i 17.3 chilometri dell’ascesa, famosa per i suoi tornanti che si susseguono sinuosi dall’inizio alla fine intensificandosi nella parte conclusiva. Il fatto che proprio quest’anno l’evento festeggi il suo 70° compleanno non fa che aumentarne il prestigio e la voglia, da parte di tutti i concorrenti, di lasciare il proprio segno. Stefano Crespi, portacolori della Scuderia Historika, concorrerà in Gruppo E2-SS Classe 1150 con gli pneumatici Pirelli che hanno dimostrato un notevole livello di performance.

Le prove si disputeranno sabato a partire dalle ore 9:00, mentre la gara scatterà domenica dalle ore 10:00. ACI Sport, grazie al grande impegno deciso quest’anno per garantire visibilità al Campionato Italiano Velocità Montagna, trasmetterà in diretta le fasi clou della sfida domenicale con immagini, commento ed interviste in diretta streaming sia su www.acisport.it/CIVM, sia sulle pagine Facebook @civelocitamontagna e @acisporttv sia sul canale ACI Sport TV (CH 229 SKY).

Stefano Crespi:
“Il Bondone per me è come una seconda casa. È senza dubbio la più bella salita del campionato, completa, tecnica e impegnativa. Qui ho molti amici, quindi ci tengo in modo particolare a ben figurare e cercherò ovviamente di dare il massimo per abbassare il mio record personale, 10:27.94, ottenuto nel 2018 con l’Osella PA21 Evo CN. Niente sarà scontato e occorrerà buttare costantemente un occhio al cielo, dato che non è escluso che possa essere una gara bagnata”.

70ª Trento Bondone