Piloti

Quarto posto assoluto e podio di gruppo per Francesco Conticelli alla 62ª Monte Erice

Rientro nel CIVM per Francesco Conticelli, dove nello scorso fine settimana si è svolta l'edizione numero 62 della classica ericina.

Stefano Canino 27 Ottobre 2020

Dopo le due gare effettuate in questa stagione al Nevegal e al Trofeo Fagioli, il pilota di Marsala ha risposto presente ad Erice con la sua Osella FA30 curata da Paco74, dove l’importante era tornare a fare chilometri dopo lo “stop” di qualche settimana. La gara di Erice, è stata la penultima tappa del CIVM 2020.
Il weekend è stato molto particolare dal punto di vista metereologico, con un meteo poco affidabile al sabato dove a farla da padrone è stata la nebbia in alcuni tratti del percorso, anche se già in prova 2 il meteo è andato sempre più verso un miglioramento.

Nella giornata di domenica, le soddisfazioni sono arrivate almeno da gara 1 dove il pilota Marsalese della Best Lap ha agguantato un terzo posto assoluto e un secondo posto di gruppo E2SS. In Gara 2 qualche problemino sulla FA30 ha condizionato la prestazione di Conticelli che avrebbe potuto addirittura migliorare i riscontri della prima tornata di gara. In Conticelli rimane un po’ di amarezza per non essere riuscito a prendere riferimenti sabato per via del meteo incerto e per la giornata di domenica dove il giovane pilota Marsalese ha tribolato con la frizione soprattutto in gara 2. Da segnalare dopo gara 2, un quarto posto assoluto e un secondo posto in gruppo E2SS nella classifica finale.

Queste le dichiarazioni di Francesco Conticelli nel post gara: “Sapevamo di rientrare dopo qualche settimana di stop e quindi di fare i conti con qualche capriccio, peccato però avere problemi nella gara di casa dove ci tenevo a far bene. Alla fine son soddisfatto ma moderatamente, perchè se guardiamo gara 1 è un buon risultato anche se avrei potuto benissimo limare ancora il riferimento cronometrico. In gara 2 ho trovato prima bandiera rossa e poi nella ripartenza ho subito capito che la frizione ci stava creando dei problemi, quindi ho solo voluto terminare la gara senza prendermi inutili rischi. Abbiamo capito la provenienza dei problemi avuti e questo è l’importante.”

62ª Monte Erice