67ª Coppa Nissena

La 67ª Coppa Nissena apre l’edizione del centenario

Giornata di verifiche al centro di Caltanissetta per la gara con validità tricolore di CIVM e Auto Storiche. Sabato 17 motori in moto per le due salite di ricognizione e domenica 17 le due salite di gara. Tutto in streaming con diretta su ACI Sport TV (228 Sky) dalle 10.00.
AciSport 16 Settembre 2022

Caltanisetta – La 67^ Coppa Nissena, Trofeo Michele Tornatore e Memorial Luigi Campione è entrata nel vivo e dopo la presentazione in comune, oggi è protagonista il cuore di Caltanissetta dove si stanno svolgendo le verifiche per i 175 iscritti. Nel pomeriggio anche “Formula 1 in Centro” il primo GP E-Racing previsto in Piazza Garibaldi.
La gara organizzata dall’Automobile Club Caltanissetta per l’edizione del centenario è round conclusivo del Campionato Italiano Velocità Montagna, è penultima prova del Trofeo Italiano Velocità Montagna sud, appuntamento del Campionato Italiano “Le Bicilindriche”, ottava data del Campionato Italiano Velocità Salita Auto Storiche, penultimo rush del Campionato Siciliano Velocità Salita per auto moderne e storiche, la serie regionale promossa dalla Delegazione ACI Sport Sicilia, oltre che Trofeo Auto Storiche salita di Zona (TASZ).
I motori da corsa si accenderanno dalle 9.30 di domani, sabato 17 settembre, per le due salite di ricognizione sulla SS 122 sui 5.450 metri tra Ponte Capodarso e il Villaggio Santa Barbara, percorso con manto d’asfalto perfettamente ripristinato e con manutenzione appena ultimata da parte dell’ANAS. Alle 9.00 di domenica 18 settembre il Direttore di Gara Marco Cascino con gli aggiunti Gianmarco Lumia e Manlio Mancuso, darà il via alla 67^ Coppa NIssena. Il live streaming sui canali social dei campionati italiani e su ACI Sport TV (228 Sky) inizierà alle 10.40. A partire per prime in gara 1 saranno le auto storiche, seguite dalle Bicilindriche e dai protagonisti del TIVM, quindi i concorrenti del CIVM. In gara 2 ad aprire le partenze le auto del CIVM, seguite dalle Storiche, Bicilindriche e TIVM. Organizzata la viabilità locale con ampie zone riservate in sicurezza al pubblico. Per chi desidera recarsi in zona Paddock o Partenza, le Forse dell’Ordine hanno raccomandato di non parcheggiare assolutamente sulla Strada di Scorrimento veloce Caltanissetta – Gela, ma di uscire a Capodarso e procedere in direzione Enna, dove è stato allestito un ampio parcheggio.

La seconda delle due gare siciliane tricolori è molto ricca di interesse sportivo con tanti protagonisti attesi ed annunciati.
Alla Nissena per onorare il 16° titolo Italiano Assoluto il fiorentino Simone Faggioli sarà al via con la Norma M20 FC Zytek, sulla quale il pluri campione della Best Lap sta testando nuove soluzioni e regolazioni in base agli ultimi dati acquisti. Match fondamentale per aggiudicarsi la prima piazza d’onore tra il trentino Diego Degasperi, il portacolori Vimotorsport che sulla Osella FA 30 Zytek si è aggiudicato in anticipo il titolo di Gruppo E2SS, contro il tenace potentino Achille Lombardi, anche lui in forza alla Vimotorsport, sempre ai vertici delle classifiche assolute con l’Osella PA 2000 Honda del Team Puglia curata dalla NP Racing. Per Lombardi anche un altro duello importante per il primato in classe E2SC 2000, quello con il 23enne siracusano Luigi Fazzino su Osella PA 2000 turbo. Il giovane pilota di Melilli è arrivato più volte sul podio e 4° ad Erice, ma l’insidia per tutti può arrivare dalla Puglia con l’esperto Francesco Leogrande che spera di trovare il definitivo feeling con l’Osella PA 2000 turbo. Tre altri siciliani alla ribalta del CIVM: il ragusano di lungo corso Franco Caruso, che ha sorpreso tutti con la sua indomita passione che lo porta ad usare la Nova Proto NP 01-2 con grande convinzione e bravura; il marsalese Francesco Conticelli salito anche sul podio di Erice con la neo costruita Nova Proto NP 01-2 e la new entry Samuele Cassibba, che dopo alcune convincenti prove in TIVM sulla Nova Proto Sinergy V8 di classe 2000, si è ben messo in evidenza a Gubbio ed Erice ed ora punta in alto alla Nissena. Anche i papà dei più giovani driver, Giovanni Cassibba e Vincenzo Conticelli, dono sotto i riflettori della gara, entrambi sulle Osella PA 30. Certi protagonisti della vigilia in classe 2000 il calabrese Luca Caruso su Osella PA 2000 Samo Competition e l’etneo Luca Caruso su Norma M20 FC Honda, entrambi alfieri della messinese CST Sport. Classe 2000 delle monoposto con Giovanni Carfì protagonista in casa al volante della Tatuus cn cui cerca punti definitivi per il TIVM, ma attenzione al catanese Orazio Maccarrone su Gloria e Giuseppe Giugliuto su F.3. Per le monoposto di classe E2SC in classe 1600 svetta il nome della trapanese Martina Raiti, adesso nella categoria delle biposto con motore preparato. Il palermitano di Termini Imerese Antonino (Ninni) Rotolo su Osella, desidera riscattarsi da qualche noia di troppo avuta ad Erice. Il pugliese di Fasano Giovanni Lisi corre per chiudere al meglio la prima stagione in classe E2SC 1400, sulla Osella con motore Suzuki. Esordio per il 19enne di casa Andrea Di Caro per la prima volta al volante della Nova Proto NP 03 con motore Aprilia, dopo il suo eccellente passato in kart. Arriva da vincitore di Erice alla gara di casa Salvatore Miccichè che lancia la sfida dal volante dell’Osella PA 21 contro avversari accreditati del calibro dell’esperto trapanese Andrea Raiti o del ragusano Orazio Marinelli sulla Norma M20 FC Honda che usa per la terza volta dopo Gubbio ed Erice.

Per il teramano Marco Gramenzi arriva il Titolo di gruppo E2SH con l’Alfa 4C MG 01 Furore Judd, anche dop l’annuncio dell’assenza. Per il gruppo E1 certamente il catanese Pietro Ragusa mira in alto con la Renault 5 GT Turbo, ma il triestino Paolo Parlato che onora l’intero CIVM sulla Renault Clio cerca i punti per alzare la coppa di classe 2000, dove saranno avversari complicati per tutti i padroni di casa Roberto Lombardo su Peugeot 207 Super 2000 e Maurizio Anzalone su Renault Clio, ma attenzione anche al vincitore di Erice Antonio Fichera ed all’etneo Rosario Alessi, entrambi su Peugeot 106. In gruppo A il calabrese “Gabrydriver” ci riprova con la Renault Clio. Nell’acceso gruppo Racing Start Plus Cup, vinto dall’assente Angelo Marino ad Erice, l’altro salernitano Giovanni Loffredo cercherà un secondo affondo dopo gara 2 trapanese sulla Peugeot 308, ma gioca nuovamente nella sua Sicilia Rosario Parrino con l’ammirata Cupra Leon Cup, mentre il partenopeo Piero Nappi con l’Audi RS3 LMS sempre presente in una gara che l’esperto pilota ama molto. Immancabile il locale Fabrizio La Rocca che ha scelto nuovamente la Hyundai I30 per sfidare tutti sul suo tracciato di casa. Per le auto aspirate il messinese della RO Racing Antonino Torre è pronto ad alzare la coppa tricolore di classe 2000. Vito Tagliente ha già portato in Puglia nella sua Martina Franca i punti per l’aggiudicazione del titolo di racing Start Plus, dopo le due perfette salite di Erice al volante della Peugeot 308, con cui l’alfiere della Gretaracing Apulia vuole onorare con il successo anche l’ultima gara. Ambisce ai punti di TIVM ed anche di Campionato siciliano per il messinese Agostino Scaffidi su MINI, stessa vettura per il trapanese Mariano Minore, presenza costante nell’intero CIVM. Tra le motorizzazioni aspirate della RS+ spicca subito il nome del calabrese Eusebio Arduino che si prepara a festeggiare il titolo. Il catanese Angelo Guzzetta su Peugeot 106 mira ad un nuovo primato in gara. Anche in Racing Start, tra le auto turbo benzina fino a 1650 cc, la RSTB svettano i nomi dei pugliesi Angelo Loconte e Marco Magdalone, entrambi tenaci e bravi protagonisti dell’intero campionato sulle Peugeot 308 con cui sono saliti nell’ordine sul podio di gruppo alle spalle del neo Campione Oronzo Montanaro. Sempre in ottima evidenza quando presente il giovanissimo etneo Riccardo Cuscunà anche lui su Peugeot 308. Altro Campione 2022 al via è il bresciano Federico Raffetti, che ha vinto in RS sulla MINI turbodiesel curata da AC Racing. Tra le energiche e sempre scattanti Bicilindriche il calabrese di Lamezia Terme Angelo Mercuri è Campione Italiano dopo il successo ad Erice, ma nella gara siciliana ci saranno gli etnei Riccardo e Giuseppe Viaggio che si candidano al successo, come l’esperto ennese di Centuripe Angelo Palazzo.

Anche per i 49 concorrenti del Campionato Italiano Velocità Salita Auto Storiche, si tratta del 2° appuntamento tricolore siciliano, tanti i nomi candidati al centro della scena dei 4 Raggruppamenti, ad iniziare dal driver e preparatore palermitano Ciro Barbaccia sulla Paganucci di 4° Raggruppamento, con cui ha ottenuto il 2° tempo ad Erice, davanti ad Antonio Piazza che torna in gara con la Lucchini Sport nazionale per i punti di campionato Siciliano ed anche di Trofeo Salita Auto Storiche di Zona centro sud. Tra i piloti di casa di 4° Raggruppamento Corrado Silliti su Alfa Romeo 75 3.0, immancabile la Renault 5 GT Turbo dell’etneo “Aeron”. In 3° Raggruppamento nuovamente sotto i riflettori dopo il successo ericino per ambire alla serie siciliana il messinese salvatore Caristi è pronto alle sfide sulla Fiat 128, come il campano di Palermo Francesco Avitabile, autore del 2° tempo ad Erice. Giuseppe Gianfilippo su Porsche 911 e Giovambattista Motta su Fiat 128 rally son certamente tra i primi attori, come il madonita Giovanni Grisanti su A 112 Abarth, il calabrese Francesco Iantorno su Volkswagen Golf come il siracusano Salvatore Mortellaro. In 2° raggruppamento Massimiliano Marco Russo cerca riscatto sulla BMW 2002, mentre a caccia di conferma sono il palermitano Gianfilippo Quintino sulla muscolosa Alfa Romeo Alfetta , Edoardo Piazza su BMW 2002 ed l’inossidabile locale Michele Guarino su Lancia Fulvia Coupè Rally. In 1° Raggruppamento certamente riflettori accesi su Giuseppe Riccobono su BMW 2002, Salvatore Spinelli sulla bella Alfa Romeo Giulietta SZT, Ignazio Sorce su Fiat Abarth e Marcello Certisi su Morris Mini Cooper, concorrente che aprirà le partenze nelle due giornate.

Classifiche Campionato Italiano Velocità Montagna dopo 11 gare:
Assoluta: 1 Faggioli 200; 2 Degasperi 107; 3 Lombardi 101; 4 Fazzino 82; 4 Caruso 74,25.
Gruppi:
Bicilindriche: 1 Mercuri 126; 2 Coppola 64,75; 3 Pastore 38.
Racing Start RS: 1 Raffetti 286,25; 2 Cicalese 259,25; 3 Pio 165,5.
RSTB 1 Montanaro 350; 2 Loconte 269; 3 Magdalone 199.
RS+ aspirate 1 Eusebio 271,25; 2 Perillo 209,75; 3 Venuti 194,5.
RS+ 1 Tagliente 332,75; 2 Liuzzi 251,5; 3 Eusebio 203.
RS+ Cup 1 Marino 332,5; 2 Loffredo 255; 3 Cardetti 193.
N 1 Pedroni 285; 2 Angelini 220,25; 3 Fusaro 97.
A 1 Bicciato 139,38; 2 Nadalini 100,5; 3 Di Ferdinando 100.
E1 1 Aragona 272; 2 Micoli 179,75; 3 Fichera, 161,5.
GT 1 Peruggini 337,5; 2 Iaquinta 197; 3 Artuso 148,5.
E2SH 1 Gramenzi 310; 2 Gabrielli 254; 3 Antonicelli 144.
CN: 1 Scarafone 336; 2 Capucci 230; 3 Filippetti 139.
E2SC 1 Faggioli 360; 2 Lombardi 232,5; 3 Fazzino 220,25.
E2SS Degasperi 245; 2 Gregori 154,5; 3 Ottaviani 103,5.
Sportscar Motori Moto: 1 Maroni 142,5; 2 Golin 86; 3 Ferretti 60,5.
Under 25: 1 Fazzino 89; 2 Cuscunà 30; 3 D’Alessandro 29.
Coppa Dame: 1 Pedroni 287,5; 2 Fumo 182,25; 3 Broccolini 63,25.