Piloti

Cubeda ancora sul podio CIVM a Gubbio con vista su Morano

Missione compiuta al 56° Trofeo Luigi Fagioli, dove il driver etneo della Cubeda Corse ha concluso terzo assoluto con l'Osella Fa30 Zytek sulla quale tornerà in azione già nel weekend a Morano Calabro per l'ottavo round tricolore: sabato le prove, domenica le due salite di gara dalle 9.30 con diretta web e su Aci Sport Tv (canale 228 di Sky)
Ufficio Stampa 2 Agosto 2021

Catania – Domenico Cubeda si prende un altro importante podio nel Campionato Italiano Velocità Montagna a Gubbio, dove domenica scorsa si è disputato il 56° Trofeo Luigi Fagioli, settimo round 2021. Nella classica cronoscalata umbra “tutto d’un fiato”, il pilota etneo ha centrato il terzo posto assoluto portando ancora una volta sul podiol’Osella Fa30 Zytek gommata Avon e curata da Paco74 con motore da 3000cc by LRM, sulla quale in stagione ha vinto a Verzegnis e Alghero e colto altri due podi a Sarnano e Ascoli. Davvero un ruolino di marcia di prim’ordine quello dell’alfiere Cubeda Corse, che ora è già proiettato verso la Morano Campotenese, la salita calabrese in programma già il prossimo weekend.

Un tracciato che Domenico conosce bene quello che si snoda sul Monte Pollino e sul quale vanta un prestigioso poker di successi: dopo le verifiche di venerdì, sabato 7 agosto dalle 9.30 le due salite di ricognizione dell’ottavo round del CIVM e domenica 8 le due gare con start sempre alle 9.30 e gara 2 in live streaming e diretta su ACI Sport TV (Sky 228). Davvero una settimana ultra concentrata sul tema cronoscalate per il catanese, che stasera (lunedì sera, ndr) alle due gare aggiunge un impegno “extra” in quanto sarà a Chiaramonte Gulfi per un evento legato alla Salita dei Monti Iblei, altra manifestazione nella quale ha spesso brillato.

Cubeda ha dichiarato fra Gubbio e Morano: “In Umbria l”obiettivo era ripetere il podio 2020 e l’abbiamo centrato. In una gara che mi piace molto forse non ho trovato le condizioni ottimali, quindi il risultato è arrivato con qualche difficoltà, ma sono contento, ho tenuto duro ed era importante concretizzare con il miglior risultato possibile il lavoro svolto con la squadra. A Morano manco invece dal 2018, ho tanti bei ricordi, a partire dal 2013, la mia prima vittoria assoluta. Ci ritorno con il consueto desiderio di esprimermi al massimo, sperando di trovare condizioni favorevoli fin dalle prove. Ogni gara e a sé e ogni stagione è a sé, non contano i palmarès, dovremo impegnarci come sempre al massimo”.

56° Trofeo Luigi Fagioli