Scuderie

Un anno da incorniciare per la Scuderia Trapani Corse

di Redazione - 30 Ottobre 2019
Un anno da incorniciare per la Scuderia Trapani Corse

Un anno da incorniciare per la Scuderia Trapani Corse, quello che va a finire. La scuderia, nata 2016, sin da subito si è imposta all’attenzione degli appassionati e degli addetti lavori. Oggi è una importante realtà isolana nella specialità Slalom dove conta circa 40 soci-piloti, grazie alla passione ed al lavoro del presidente Nicolò Incammisa e del vice Nicola Tardia ma si è anche imposta nelle Cronoscalate nazionali.
Due esempi sono certamente Martina Raiti e Salvatore Reina.
Salvatore Reina, 32 anni, ericino, inizia con le auto storiche e si laurea Campione Italiano nella Classe 700 Gr.5 del Terzo Raggruppamento, con una splendida bicilindrica. Poi come il papà Mario (eccoti il DNA…) passa alle sport, con una Elia E2SC 1400. Quest’anno è il vincitore della Classe E2SC 1400 nel TIVM (Zona Sud), quindi Campionato Siciliano Velocità e primo di Classe E2SC 1400. “Ringrazio il preparatore Michele Augugliaro, Vac Robotic per lo splendido cambio, la Elia Prototipi per la continua attenzione nel corso della stagione, gli amici sempre al seguito anche nelle trasferte più lontane, la Scuderia Trapani Corse ed in particolare il Vice Presidente Nicola Tardia”, ci tiene a dire Reina.

Il papà Mario cura con attenzione la vettura del figlio Salvatore

Ma la grande e gradita sorpresa è venuta da Martina Raiti, una ragazza che respira olio e benzina sin da piccola, visto che papà Andrea è uno dei protagonisti del mondo nazionale delle gare in salita negli anni Novanta. Busetana, ventitrè anni il prossimo 23 novembre, Martina inizia con qualche Slalom poi la voglia di “Velocità” (il Dna ha il sopravvento) con le prime Cronoscalate nel 2018 (Monte Erice e Coppa Nissena, dove stupisce per la naturale velocità). Quest’anno il boom. Si impone nel Campionato Italiano di Velocità della Montagna dove conquista la Coppa di Classe CN 1600, è terza a livello italiano tra gli Under 25 e nella Coppa Dame. Il trionfo nel Trofeo Italiano Velocità della Montagna Zona Sud dove vince il titolo assoluto dio Gruppo CN, prima di Classe CN 1600 mentre nel campionato siciliano velocità ottiene il primo posto nella Coppa Dame, nella classifica Under 25 e nella Classe CN 1600. Anche lei affida ad una lettera le sue impressioni sulla stagione che va a concludersi.

Martina Raiti con il papà Andrea

“E’ stata una stagione agonistica lunga, impegnativa, esaltante. Tanta esperienza fatta: tecnica, di percorsi, umana. Non mi aspettavo certo, all’inizio, di riuscire a raggiungere il risultato di vincere “titoli nazionali” anche se, come ogni pilota, mi sono battuta al massimo delle mie possibilità per ottenerli. Questi risultati importanti, che ripagano sacrifici e impegno, voglio e devo condividerli con tutti coloro (e sono tanti) che hanno contribuito ad ottenerli. Un grazie, grandissimo, va al mio Papà, per… tutto Senza di Lui non ci sarebbe stata neanche un inizio per questa bella storia… alla mia Mamma che pur con il cuore in gola e con disappunto mi ha supportata lungo questo percorso, al mio Fratellone Antonio e ai miei Nonni per il supporto; al “mio” Giuseppe, non è certo facile essere il fidanzato di un pilota. Mi ha accompagnata con paziente amore e tenerezza lungo questi mesi; a Salvatore Reina, che ha condiviso con me, gara per gara scelte tecniche, sensazioni, tensioni di gara; a Mario Reina, la cui esperienza e saggezza sono state spesso di conforto e di aiuto; A Pasquale Nolè per l’assistenza tecnica professionale sempre impeccabile e per il supporto psicologico, che nei momenti cruciali mi ha sempre dato; a Marcello (Maricel Reclea) per tutto l’aiuto dato nel preparare la macchina per le gare; ad Antonino Adragna che mi ha aiutato nella realizzazione degli adesivi per la mia macchina; a Gaspare La Commare, Enrico Patti, Alberto, Dina, Rossella, Michele Augugliaro, sempre al seguito, sempre pronti all’incoraggiamento e a “sporcarsi le mani” sull’auto quando necessario; a “Felix”, che mi informava sullo stato dell’asfalto prima della partenza di una gara e sui tempi fatti dopo, sempre preciso e puntuale; a Deborah Broccolini, conosciuta sui campi di gara, mi ha fatto comprendere che nel mondo delle Cronoscalate, il nostro mondo, non c’è solo competitività ma anche amicizia; alla Scuderia Trapani Corse, i cui colori ho portato orgogliosamente in giro per la penisola ed in particolare a Nicola Tardia, prezioso e sempre vicino, nei rapporti con gli organizzatori, nel curare gli aspetti sportivi ed amministrativi.

Martina Raiti con Deborah Broccolini

Un ringraziamento ancora, in ultimo, ma non certo ultimo, agli Sponsor (Villa Zina Parco Hotel, Mobilturi, Ottica Genova, Amaro Punico, Tre bi salotti, ristorante Parco Scurati, Soluzioni Ecologiche, Gieffe soluzioni edili, Infran, Art Edil Sicilia, il Tuo Sacchetto, Pieffe) che mi hanno sostenuta; spero di avere fatto conoscere ed apprezzare prodotti ed attività della nostra Terra lungo tutta la penisola, con i risultati. Forse dimentico qualcuno e me ne scuso, ma Vi abbraccio tutti!”
Sin qui i risultati ed i commenti dei due protagonisti della Trapani Corse. A loro i complimenti della Redazione e l’augurio che il prossimo anno si possa festeggiare il raggiungimento di nuovi e più importanti traguardi.

Cerca un Calendario in Archivio
Ultime Notizie

Premiazioni Salita FIA a Trento, con il GSAC Ascoli co-protagonista

Festa di chiusura stagione per la Tre Cime Promotor

The Doctor tenta il tris a Binetto

Il Gruppo Sportivo AC Ascoli Piceno a Trento per le premiazioni FIA della montagna