Piloti

The Doctor a podio in una Rieti – Terminillo in versione corta

di Ufficio Stampa Angelo Loconte - 30 Luglio 2019
The Doctor a podio in una Rieti – Terminillo in versione corta

Loconte vede il bicchiere mezzo pieno per un podio che da morale in una stagione avara di risultati su di un tracciato accorciato per le impervie condizioni meteo.
Il portacolori della Scuderia Eptamotorsport Angelo Loconte ha chiuso la sua Rieti Terminillo con un terzo posto tra le vetture di stretta derivazione di serie sovralimentare, piazzandosi alle spalle dei compaesani Gianni Angelini e Oronzo Montanaro.
La gara, accorciata a soli 8 km per decisione del direttore di gara in accordo con i piloti, data la scarsa visibilità nell’ultimo tratto dovuto alla pioggia e alla fitta nebbia, è stata caratterizzata dalle mutevoli condizioni del manto stradale, che da bagnato pesante è diventato asciutto in più tratti, rendendo la scelta degli pneumatici un vero e proprio terno al lotto.
“Di questi tempi, avari di risultati, devo ritenermi contento del mio “ Terminillo”. Ovvio che il risultato cronometrico non può vedermi soddisfatto, visto la prestazione monstre di Angelini, al quale va il mio plauso, ma ritrovare il podio, sollevare una coppa, fa sempre morale, soprattutto in una stagione iniziata in grande sofferenza e ancora non incanalata verso i risultati a cui ero abituato. Azzeccare la scelta delle gomme era davvero difficile, perché in alcuni tratti la strada era quadi completamente asciutta, invece in altri si guidava “sulle uova”. Ma ripeto, il podio fa morale, aver duellato con il mio amico Magdalone, mi da la carica per proseguire con questo CIVM… Quindi ci rivediamo, dopo la pausa estiva, a Gubbio, con il solito obbiettivo: progredire e far bene!”

Cerca un Calendario in Archivio
Ultime Notizie

Tanti riconoscimenti alla Scuderia Speed Motor in occasione del Galà Aci di Perugia

Per Roberto Malvasio un 2019 da incorniciare

Doppio trionfo per Ragazzi e la Ferrari 488 alla prima stagione nelle salite tricolori

Cubeda è d’argento all’Avon Super Master di Sarno su Osella Fa30