Rally

Si accendono i motori al Rally Italia Sardegna

di Ufficio Stampa - 10 Giugno 2015
Giovedì 11 giugno lo shakedown e la prova spettacolo Città di Cagliari in diretta TV. Venerdì altri 9 crono della 1^ tappa, sabato le 9 speciali della 2^ frazione e domenica giornata conclusiva con 4 scratch e traguardo ad Alghero.
Si accendono i motori al Rally Italia Sardegna

Alghero (SS) – Il Rally Italia Sardegna è ormai alle porte e la gara, giunta alla sua dodicesima edizione, per l’undicesima volta sarà valida quale appuntamento italiano del Mondiale rally. L’edizione 2015 della corsa si presenta molto agguerrita per diversi motivi. Anzitutto per il tentativo di fare il bis dopo la vittoria in Portogallo di Jari-Matti Latvala su Volkswagen Polo R WRC, in una gara che il finlandese aveva già vinto nel 2009. Poi il previsto tentativo di riscatto di Sebastien Ogier, il francese ufficiale Volkswagen che arriva in Italia dopo le due sconfitte consecutive patite in Argentina e Portogallo. Infine l’attesa prova sugli sterrati sardi di Andreas Mikkelsen (Volkswagen) e dei driver Citroen Mads Ostberg, e Kris Meeke sulle DS 3 WRC. Al via ci sarà anche il polacco F.1 Robert Kubica su Ford Fiesta RS WRC, come i piloti M-Sport, il britannico Elfyn Evans e l’estone Ott Tanak. Mentre sul fronte Hyundai sono pronti alla sfida il belga Thierry Neuville, lo spagnolo Dani Sordo e il neozalendese Hayden Paddon tutti sulle i20 WRC. Tra gli italiani sotto i riflettori Lorenzo Bertelli su Ford Fiesta WRC, l’otto volte Campione Italiano Paolo Andreucci su Peugeot 208 T 16, che si confronterà con i protagonisti del WRC 2, oltre a giovani dell’ACI Team Italia iscritti nel WRC 3: Andrea Crugnola su Renault Clio R 3T e sulle Peugeot 208 R2 Fabio Andolfi e Giuseppe Testa. Da segnalare poi alcune interessanti novità nel percorso, con una prima tappa integralmente nuova nell’oristanese, mentre la seconda giornata si svolgerà sulle classiche speciali del Monte Acuto e la terza sugli sterrati della Nurra.

“Ora va meglio dopo la vittoria in Portogallo – ha ricordato Latvala – anche perché adesso arrivano tre delle mie gare preferite, Sardegna, Polonia e Finlandia. Sarebbe bello vincere in Sardegna, una gara endurance, lunga e difficile”.

La gara tricolore di quest’anno si presenta però come un atteso banco di prova anche per Mads Ostberg, Andreas Mikkelsen e Kris Meeke. I due norvegesi conoscono bene gli sterrati della Sardegna, Ostberg tra l’altro l’anno scorso aveva chiuso secondo, mentre il nord irlandese Meeke dopo la buona prestazione in Portogallo punta ora al podio in Sardegna. Quella sarda sarà anche una trasferta importante per Andreas Mikkelsen, uno che sugli sterrati dell’isola dei Quattro Mori ha sempre fatto bene.

La corsa inizierà domani mattina, giovedì 11 giugno, con lo shakedown di 4,30 km in programma a Putifigari dalle 7 alle 9 per i piloti prioritari, e proseguirà in serata con la super speciale di 2,50 km in programma a Cagliari alle ore 19.30. La prima prova sull’esclusivo tracciato ricavato nell’area portuale che i piloti dovranno ripetere due volte andrà in onda in diretta tv su Fox Sports 2 HD e sarà preceduta dal passaggio del due volte iridato Miki Biasion in veste di apripista insieme a Tiziano Siviero su un’Abarth 695 Biposto. La prima novità importante sarà il ritorno della gara nella zona dell’oristanese dopo quattro anni: venerdì 12 giugno, infatti, le vetture, dopo esser rimaste la notte in parco chiuso in Via Roma a Cagliari, disputeranno 9 speciali per complessivi 133,50 km cronometrati, vale a dire quelle di Grighine Sud (26,31 km), Grighine Nord (18,34 km), Montiferru (14,41 km) e Sagama (2,58 km), ripetute due volte, a cui si aggiungerà il crono di Sinis Mont’E Prama (14,08 km) che verrà disputato una sola volta.

Sabato è in programma la seconda tappa lunga ben 212,83 km cronometrati, la più lunga dell’intero Mondiale dal Rally Safari del 2002. Sono ancora 9 le speciali da disputarsi con partenza della tappa da Alghero alle 6 del mattino per finire in serata alle 22, una vera e propria maratona. Si tornerà a correre nella zona classica del rally sardo, vale a dire quella del Monte Acuto, dove si svolgeranno le speciali di Ittiri Arena (1,40 km), Monti di Alà (22,49 km), Coiluna-Loelle (36,69 km) e Monte Lerno (42,22 km), da ripetersi due volte, a cui va aggiunta quella di Ozieri-Ardara di 7,23 km, che sarà effettuata una sola volta. Infine domenica 14 giugno la tappa finale di 45,80 km cronometrati, con le ultime quattro speciali, quelle di Olmedo Monte Baranta (11,13 km) e Cala Flumini (11,77 km), ripetute due volte. Come nel 2014, Cala Flumini sarà la Power Stage che andrà in onda in diretta tv su FOX Sports 2 HD alle ore 12. L’arrivo ad Alghero è previsto alle 13.30 e il gran finale con il podio e la premiazione si terrà sul lungomare alle ore 13.45.

Calendario WRC 2015: 22-25 Gennaio – 83ème Rallye Automobile Monte-Carlo – snow/asphalt; 12-15 Febbraio – 63rd Rally Sweden – snow; 5-8 Marzo -29º Rally México – gravel; 23-26 Aprile – 35º Rally Argentina – gravel; 21-24 Maggio – 49º Rally de Portugal – gravel ; 11-14 Giugno – 12º Rally d’Italia Sardegna – gravel ; 2-5 Luglio – 72nd Rally Poland – gravel; 30 Luglio – 2 Agosto – 65th Rally Finland – gravel; 20-23 Agosto – 33rd – Rallye Deutschland – asphalt ; 10-13 Settembre – 24thRally Australia – gravel; 1-4 Ottobre – Rallye de France Alsace 2015 – asphalt ; 22-25 Ottobre – 51º Rally RACC Catalunya Costa Daurada – asphalt/gravel; 12-15 Novembre – 71st Wales Rally GB – gravel.

Le gare del Weekend
Cerca un Calendario in Archivio
Altre Notizie

A Monza l’ultimo round del Campionato Italiano Gran Turismo Sprint con i titoli Assoluto e GT4 ancora da assegnare

Tandalò incorona i vincitori della quarta edizione

Al 10° Tuscan Rewind l’atto finale del Campionato Italiano Rally 2019

Il Sara Safe Factor torna in Sicilia con i test drive ad Agrigento