Cronoscalate e gare in salita, classifiche, foto, camera car, video, piloti, civm, tivm, cem, fia cup, cim, autostoriche

Cronoscalate CIVM
Cronoscalate TIVM Nord
Cronoscalate TIVM Sud
Coppa FIA (IHCC)
Cim Storiche
CEM Storiche (HHCC)
Storiche non titolate
Salite non titolate
Piloti cronoscalate
Prototipi auto da corsa
Video e camera car
Foto Cronoscalate
Newsletter
Motore di ricerca Cronoscalate
Nome Gara

Regione


Ricerca avanzata
Prossime cronoscalate
03-08-2014
16° Cronoscalata del Reventino - CZ
03-08-2014
40° Alpe del Nevegal - BL
04-08-2014
2014° Osnabrücker Bergrennen (DEU) - EE
10-08-2014
2014° GHD Lucine - EE
10-08-2014
52° Cronoscalata Svolte di Popoli - PE
17-08-2014
71° Course de Cote St Ursanne (CH) - EE
24-08-2014
49° Trofeo Fagioli - PG

44ª Coppa Paolino Teodori - Ascoli Piceno - 31-07-2005
Validità:

44° Coppa Paolino Teodori -
Ascoli Piceno - (AP) - (Marche) -

Organizzatore: Gruppo Sportivo A.C. Ascoli Piceno-Automobile Club Ascoli Piceno

ZARDO ESCLUSO DALLA CLASSIFICA - FAGGIOLI VINCE LA 44° COPPA TEODORI

A seguito delle Verifiche Tecniche post gara disposte su reclamo presentato dal Concorrente n. 431, Iaquinta Rosario contro il Concorrente n. 436 Denny Zardo, sulla corrispondenza misure e dimensioni i Commissari Sportivi decidono di escludere dalla classifica di gara il concorrente n. 436, Denny Zardo, per non conformità tecnica della vettura nel particolare: art. 259 – 3.4 All. J 2005.

Pertanto, vista la nuova classifica, il vincitore della 44° edizione della Coppa Paolino Teodori, settima gara del CIVM è Simone Faggioli su Osella PA 21 S Honda con il tempo totale di 4'49”82


--------------------------------------------------------------------------------

Il trevigiano Denny Zardo, con l’Osella Honda, vince la settima tappa del CIVM con il tempo di 4’46”69 e consolida la prima posizione di campionato. Un convalescente Simone Faggioli si piazza al secondo posto con 3”13 di ritardo a bordo della Osella Honda ufficiale e terzo risulta Rosario Iaquinta in ritardo di 3”34 con la Osella Honda. Torna alla vittoria Marco Jacoangeli nella E 1 Italia a bordo della BMW 320 I e Nappi si impone nella GT con la Ferrari 550 Maranello. Bicciato sbatte e in Gruppo A si afferma l’anconetano Sauro Sandroni con la BMW M3 con secondo Roberto Spadafora su Peugeot 106.e il giovane bresciano Luca Tosini fa suo il Gruppo N con la Honda Civic Type R davanti a Riccardo Ragazzi con la BMW M3.

Ascoli Piceno (AP), 31 luglio 2005 – Denny Zardo sconfessa il risultato delle Prove, che lo vedevano piazzato in posizioni di rincalzo e vince a piene mani la 44° edizione della Coppa Paolino Teodori. Con un testacoda nella seconda manche di gara Franco Cinelli non concretizza la miglior prestazione ottenuta nelle due salite di ieri ed il trevigiano della Osella Honda Villorba Corse si aggiudica tutte e due le salite odierne, tagliando il traguardo per primo con il tempo totale di 4’46”69, rafforzando la leadership di campionato. Alle sue spalle è un convalescente Simone Faggioli a piazzare la Osella Honda ufficiale, preparandosi al meglio per i prossimi impegni nel campionato europeo, migliorandosi nella seconda manche e contenendo il ritardo in soli 3”13, precedendo di due decimi il calabrese Rosario Iaquinta, ottimo terzo con una Osella Honda “riesumata” nella notte dai tecnici della Dalmazia Motorsport dopo la botta nelle prove. Quarto a più di nove secondi è il pugliese Aldo Romano con la Osella Honda della Savoia Drivers Promotion, mentre chiude la top five assoluta il padovano Alan Gomboso anch’egli su Osella Honda.

Si migliora e vince la sua seconda gara della stagione nella E 1 Italia Marco Jacoangeli. Con la sua BMW 320I il pilota della Vimotorsport è stato perfetto nella seconda manche riuscendo a ribaltare il risultato della precedente segnando un tempo di 2’33” totalizzando 5’06”8 sufficienti a superare di cinque decimi Roberto di Giuseppe, secondo con la Alfa 155 GT che consolida il primato di gruppo. Ritiratosi Eugenio Molinaro per la rottura del cambio della sua Alfa e, terzo, si è piazzato un sempre più efficace Giorgio Leonardi, primatista nella classe duemila con la Audi A Quattro. Non è riuscito a prendere il via Fulvio Giuliani nella seconda manche con la Lancia Delta Proto ed è quarto Maurizio del Cotto con la BMW precedendo di pochissimo il romano Maurizio Jacoangeli, padre di Marco, al volante della BMW M3.

“Ho sbagliato la scelta delle gomme montando un treno più soffici rispetto a quello delle prima manche confidando nel caldo ma,purtroppo, si sono consumate precocemente e mi sono trovato con una macchina inguidabile negli ultimi chilometri” e peggiora la prestazione Marco Gramenzi mentre Piero Nappi, viceversa la migliora. Il napoletano si migliora di un secondo e tre vincendo la quinta gara nel Gran Turismo della stagione con la Ferrari 550 Maranello. Terzo il regolare Leo Isolani, vincendo nella GT2, confermando il suo tempo terminando con un ritardo di 7”7. Quarto di gruppo Stefano Pierdomenico con una Ferrari 360 Modena e quinto è il bresciano Franco Putelli.

Sauro Sandroni su BMW M3 “alza” di pochi decimi il suo tempo precedente ma riesce ad aggiudicarsi il Gruppo A. Anche il calabrese Roberto Spadafora si peggiora di un secondo e uno rispetto la prima salita ed accusa un ritardo dal vincitore pari a 3”43 sul totale risultando secondo davanti ma imponendosi nella classe 1600 con la Peugeot 106 R. Chi si migliora e di tanto è Filippo Marozzi che abbassando di 1”6 il limite della prima manche superando di tre decimi e tre l’ascolano Amedeo Pancotti. Marozzi con la Renault Clio Williams è terzo assoluto e primo della classe 2000. Altro pilota locale, Cristiano Romoli si aggiudica la classe 1400 con la Citroen Ax.

In Gruppo N è caos e vince Luca Tosini. Esce di strada per primo Carlo Vellucci che è autore di un errore di cambiata e della conseguente scodata nell’ultimo tornante del tracciato, riuscendo a tagliare ugualmente il traguardo con la sua BMW M3 seppur danneggiata. Lo imita Claudio De Ciantis alla ripartenza che involontariamente frena l’azione di Riccardo Ragazzi. Il giovane padovano perde tempo prezioso nella manovra di superamento e risulta secondo a 2”18 dal bresciano Luca Tosini che si aggiudica la gara e la classe duemila con la Honda Civic Type R. Giovanni Giannoccaro si aggiudica la classe 1600, unico pilota in grado di scendere sotto il limite dei tre minuti in tutte e due le salite, battendo con la Peugeot 106 il fasanese Giovanni Angelini, la 1400 è appannaggio del napoletano della ACN Forze di Polizia Giovanni Loffredo con tre secondi e nove sul marchigiano Gabriele Giardini, tutte e due al volante di Peugeot 106.

Prima manche. E’ Denny Zardo a tagliare il traguardo con il miglior tempo:2’23”71. Il trevigiano della Villorba Corse migliora di ben dodici secondi e mezzo il suo limite delle prove e prende il comando della gara. “C’è ancora qualcosina da fare sull’assetto, la vettura smusa eccessivamente nelle prime curve del tracciato, segno che sono difficili da affrontare con le gomme non ancora in temperatura” Afferma Zardo all’arrivo di Colle San Giacomo promettendo di migliorarsi ulteriormente nella successiva e finale frazione. Il pistoiese Franco Cinelli nutre ancora qualche speranza di affermazione nella gara ascolana, il decimo e uno di ritardo dalla testa della graduatoria non è incolmabile e con la Osella BMW Sport Cars ferma i cronometri sul 2’23”82 mettendo al sicuro la seconda posizione, staccando di 1”3 Rosario Iaquinta. Il pilota calabrese della Osella Honda Dalmazia è alla ricerca del miglior ritmo dopo la botta ieri, accusata a bassa velocità e dovuta per bloccaggio dell’acceleratore e riuscendo a prendere il via dopo una nottata di duro lavoro da parte del team cannibalizzando la sport di Uberto Bonucci per la sostituzione di parte dell’anteriore danneggiato. Simone Faggioli non cerca il record assoluto viaggia comunque forte al punto da insidiare la posizione a Iaquinta, terminandogli a un decimo e tre. Quinto un ottimo Gianluca Caldani sulla seconda Osella Honda della Villorba a confermare il feeling con il medio-veloce. Per la prima volta nella stagione Fulvio Giuliani riesce a portarsi davanti alla serrata lotta per il vertice della E 1 Italia. Il bolognese con la Lancia Delta Proto segna 2’32”7 relegando al secondo posto Eugenio Molinaro, 1”14 il suo ritardo con la Alfa Romeo 155 Gta, che a sua volta precede di tre decimi e sei l’abruzzese e leader di campionato Roberto di Giuseppe. Risulta ancora in corsa per la vittoria il romano Marco Jacoangeli con BMW 320I, visto il minimo distacco di 1”68 dalla testa. Piero Nappi e Marco Gramenzi sono ai ferri corti anche in questa occasione. L’affermazione nel Gran Turismo è in bilico tra il pilota napoletano della Ferrari 550 Maranello, primo con 2’31”56, e Marco Gramenzi con la Chrysler Viper che lo insegue a quattro decimi; un niente che potrebbe valere, se confermato anche nella seconda e finale salita, anche la leadership di campionato. Buon terzo a tre secondi e quattro si piazza Leo Isolani con la Ferrari 360 di Gt2. La notizia della gara del Gruppo A, dove il bolzanino Rudi Bicciato compie il primo errore della stagione e stropiccia la sua Mitsubishi Lancer contro il terrapieno che delimita il percorso di gara “Sono arrivato lungo alla staccata di un tornante e sono uscito” ed è l’anconetano Sauro Sandroni ad aver il miglior tempo con la BMW M3, realizzando 2’50”47, giocandosi la vittoria di gruppo con Roberto Spadafora, secondo a 1”20 con la Peugeot 106 R. Terzo tempo nella prima salita è del medico ascolano Amedeo Pancotti con la Alfa 156. Deve abbandonare velleità di piazzamento il perugino Andrea Picchi che sbatte con la Peugeot 106 R. Settanta sette centesimi dividono due BMW M3 guidate dal padovano Riccardo Ragazzi, primo anche dell’Under 25 con il tempo di 2’49”56, e dal pescarese Carlo Vellucci secondo. Terzo tempo per il bresciano Luca Tosini in testa alla classe duemila con la Honda Civic Type R ma il suo rilievo sale a 1”44.

44° Coppa P.Teodori-Colle S.Marco-Colle S.Giacomo

Campionato Italiano Velocità Montagna
Classifica assoluta:

1. Zardo (Osella PA 21/S H) in 4'46”69; 2. Faggioli (Osella PA 21/S H) a 3”13; 3. Iaquinta (Osella PA 21/S H) a 3”34; 4. Romano (Osella PA 21/S H) a 9”33; 5. Gomboso (Osella PA21/S H) a 10”9; 6. Mangini (Osella PA21/S H) a 11”3; 7. Ragazzi (Osella PA 21/S H) a 11”3; 8. Peroni (Lucchini Honda) a 11”3; 9. Cassiba (Osella PA 20/S BMW) a 11”3; 10. Ingrassia (Picchio Ligth H) a 13”1.

Classifiche di campionato dopo la Coppa Paolino Teodori
Gruppo N: 1. VARDANEGA 119; 2. TOSINI Luca (u) 102; 3. RAGAZZI 69,5; 4. FLORIAN 67,5; 5. GIANNOCCARO 58,5. Gruppo A: 1. BICCIATO 112; 2. SPADAFORA 98; 3. PICCHI 72,5; 4. MAROZZI 54,5; 5. PANCOTTI 42. Gruppo GTM: 1. GRAMENZI 105,5; 2. NAPPI 101; 3. ISOLANI 86,5; 4. PIERDOMENICO 83,5; 5. PUTELLI 66,5. Gruppo E 1 Italia: 1. DI GIUSEPPE 128; 2. JACOANGELI 94,5; 3. MOLINARO 74,5; 4. LEONARDI 69,5; 5. GIULIANI 50,5; Gruppo Prototipi: 1. ZARDO 134; 2. IAQUINTA 103; 3. IRLANDO 71,5; 4. BRUCCOLERI 65; 5. FATTORINI 50

GARE da disputare
7 Agosto 7^ Cronoscalata del Reventino (CZ); 28 Agosto Trofeo Fabio Danti - 18^ Limabetone (PT); 11 Settembre 23^ Pedavena/Croce d'Aune (BL) 25 Settembre 51^ Coppa Nissena (CL)

--> Enzo Branda

Comunicati Acisport Csai
Comunicati Ufficiali gara
Notizie, articoli e interviste sulla gara

- 43° Coppa Paolino Teodori
 
            Condividi su Facebook