Scuderie

La Scuderia Vesuvio brilla anche sul Pollino

di Ufficio Stampa - 18 Giugno 2019
9ª Salita Morano – Campotenese   16•Giugno•2019
Con 2 punte in Top Ten, Vacca e Ferragina, la Scuderia partenopea si esalta nella 5°prova di Campionato Italiano Velocità Montagna di cui è stata protagonista anche in varie classi. Altri successi arrivano dallo Slalom e dalla Pista, rendendo il weekend memorabile.
La Scuderia Vesuvio brilla anche sul Pollino

La scuderia Vesuvio, impegnata nel fine settimana su più campi di gara, continua a raccogliere allori. Alla Morano Campotenese, quinto appuntamento di CIVM, è proseguita la serie di piazzamenti positivi per il sassarese, Giuseppe Vacca, che al volante della Osella PA 20, curata da Paco 74 è giunto quinto alle spalle dei giganti di campionato europeo e dopo vetture più potenti. Il 23enne infatti è risultato il primo delle 2000, raccogliendo punti preziosissimi in ottica campionato. Prestazione altisonante, la sua, se si pensa che dopo le prove ufficiali aveva dichiarato di avere problemi di assetto e gomme, che non gli avevano consentito di dare il massimo in ricognizione e quindi prevedeva una gara sulla difensiva, cosa poi ampiamente ribaltata alla luce del risultato conseguito.

Soddisfazione anche per il catanzarese Francesco Ferragina che, con due prestazioni costanti, è riuscito con la sua Elia Avrio ST09 Evo 18 ad entrare in top ten, ottenendo il secondo posto di classe con la nuova motorizzazione 1600, che lo fa ben sperare per il futuro della stagione.

Francesco Ferragina ( Scuderia Vesuvio, Elia Avrio ST 09 Evo 18)

Con le altre tre biposto in gara hanno ben figurato anche l’esperto Piero Nappi alla guida della Osella PA 30, motorizzata Judd, che in gara 2 ha fatto segnare l’ottavo tempo assoluto, riscattando in parte la delusione per l’abbandono di gara 1, dovuto a problemi elettrici; l’altro veterano Ciro Riccio che alla prima stagionale si è distinto con la sua sua Osella BMW 3000 nel gruppo CN e il perseverante Nivola adesso più a suo agio con la Osella Pa21 JRB 1400 curata dal Team Puglia.

Ha timbrato il cartellino con l’ennesimo successo di classe, ed è il quinto di fila, Giovanni Loffredo con la MINI JCW 2000 TD che non smette di meravigliare adattandosi a qualsiasi condizione. Questa volta le due variabili erano, il “veloce” di Morano e il caldo che specie in Gara 2 , non ha permesso quasi ha nessuno di compiere sensibili miglioramenti . Ancora una volta l’esperto pilota salernitano, “ci ha messo del suo”, riuscendo comunque ad eccellere.

Il salernitano Francesco Urti ha fatto il pieno di punti nella classe 2000 di gruppo A, con la sua Alfa Romeo 147, mentre Antonio Vassallo si è dovuto accontentare del terzo posto nella Rs 2000 con la sua Renaul Clio.

Buon rientro per Gabriele Mauro che ha tenuto a bada i tanti cavalli della Porsche 997 GT, chiudendo al secondo posto di classe GT Cup

Infine fra le auto storiche buone le performance di Carlo Mascolo con la 127 e Michele Mascolo con la Fiat 590 Giannini.

Lusinghieri i risultati che hanno visto impegnati in altre gare del fine settimana i portacolori della Scuderia Vesuvio.

Ferdinando Terminiello

A Monza in occasione dei Weekend Gruppo Peroni Race, nel master prototipi, Michele Liguori, già campione in carica con la Osella Pa 21 Evo-CNA2 della Progetto Corse, ha ottenuto un buon terzo posto in gara 2, mentre nell’Alfa Revival Cup, la coppia formata da Fabio De Beaumont e Eugenio Mosca ha ben figurato con la Alfetta GTV200 GR.5

In Sicilia, i colori del sodalizio partenopeo sono stati rappresentati egregiamente da Ferdinando Terminiello, il quale nel 6° Autoslalom Sciacca delle Terme, con l’eccellente punteggio di 160,88 realizzato nella seconda manche, ha vinto il gruppo A malgrado la partecipazione di 16 vetture fra cui le più potenti 2000 rispetto alla sua agile Peugeot 106 millesei.

Le gare del Weekend

Prossime gare in Calendario

Ultime Gare Effettuate

Gare non effettuate

Rinviata dal 28 Luglio 2019
Rinviata dal 14 Luglio 2019

Cerca un Calendario in Archivio

Seguici su

Altre Notizie

Ultime Notizie